A A

Capelli grassi o secchi? Cure su misura

I capelli grassi sembrano sempre sporchi anche quando appena lavati, mentre quelli secchi temono l’effetto paglia: come fare?



0

Secchi o grassi? Il dilemma è cruciale perché dalla risposta dipende la scelta dei prodotti da usare e delle cure da intraprendere ogni giorno per avere capelli sempre puliti, splendenti e morbidissimi.

In parte dipende dalla genetica, in parte sono le abitudini di vita e l’ambiente a giocare un ruolo fondamentale. Tutta colpa del sebo: in giuste quantità, questa sostanza è utilissima perché idrata e protegge i capelli. Ma quando è troppo, o troppo poco, la chioma perde lucentezza e sofficità. Ecco come distinguere le due situazioni e affrontarle con una corretta beauty routine.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Sono grassi se…

I capelli grassi si riconoscono facilmente: sono unti, pesanti e si sporcano subito. Le acconciature si afflosciano e non tengono. Il cuoio capelluto secerne un’eccessiva quantità di sebo, che è molto fluido e si diffonde rapidamente lungo il fusto, intrappolando polvere e impurità.

Ormoni, predisposizione genetica, smog, umidità, ma anche stress, dieta sregolata, farmaci possono esserne all’origine. Altre possibili cause sono l’utilizzo di prodotti inadatti o una routine di trattamento sbagliata.

La beauty routine

Lo shampoo deve essere delicato, specifico per lavaggi frequenti e a base di attivi che, oltre a regolare la produzione di sebo, rimuovendo quello in eccesso, contrastano l’insediamento dei batteri e alleviano la sensazione di fastidio e prurito.

Sì al balsamo: non è vero che stimola ancora di più la produzione del sebo, basta scegliere un prodotto specifico, non usarne troppo e risciacquarlo bene. Una volta alla settimana, fare una maschera ad azione sebo-regolatrice e astringente.

Buone abitudini

Non lavarli tutti i giorni: una pulizia eccessiva induce le ghiandole a produrre ancora più sebo, peggiorando la situazione. Il risciacquo con acqua fredda è molto utile: contrasta l’eccessiva fluidità del sebo e la sua rapida diffusione sul capello.

Frizionare regolarmente le radici con poche gocce di olio essenziale di bardana o rosmarino: aumenta l’irrorazione sanguigna della cute.

Sono secchi se…

I capelli si seccano, diventano ruvidi e sfibrati, opachi e stopposi, con le doppie punte. A favorire la disidratazione del cuoio capelluto sono gli stessi fenomeni che si ritrovano alla base della pelle secca: eccessiva evaporazione d’acqua e carenza di fattori naturali di idratazione e di lipidi di superficie.

Cosmetici e rituali

Shampoo e balsamo devono contenere principi attivi emollienti e nutrienti. Devono essere ricchi di sostanze ad azione idratante e restitutiva, che formano un film protettivo che avvolge il fusto e ne aumenta l’idratazione.

Sì a un impacco settimanale con maschere a base di burro di karité, olio di jojoba, di noce di cocco o di avocado, glicerina.

Un nemico comune

Sia i capelli grassi che quelli secchi temono l’eccessivo calore. Da evitare l’acqua troppo calda e gli ambienti secchi. Il calore del phon accelera lo spargimento delle sostanze grasse sulla testa: meglio l’asciugatura naturale.

Chi va in moto deve togliere il casco a ogni sosta, per far respirare la cute, e lavare i capelli un po’ più spesso: l’aumento della temperatura della testa favorisce l’iperproduzione di sebo e l’irritazione del cuoio capelluto.

Leggi anche

Capelli sani con gli oli essenziali

Rituali dal mondo per capelli da favola

Capelli: ferma la caduta a tavola

Bellezza di stagione

Mani: la beauty routine per l'inverno

Arriva il freddo? Non arrossire

Labbra: d’inverno proteggile così

Pubblica un commento