A A

Capelli al top con il programma detox

Risciacqui poco accurati, prodotti inadatti, ma anche agenti inquinanti minano la bellezza delle chiome. Ecco come farle risplendere di nuovo



0

di Claudia Bortolato

Scrub purificanti, maschere detossinanti, lozioni lenitive: come per la pelle, anche per i capelli i verbi da mettere in pratica non sono più solo proteggere, nutrire, idratare, ma anche depurare dalle tossine che possono soffocare il cuoio capelluto, scatenare micro-infiammazioni (con fastidiosi pruriti) e minare, di conseguenza, la bellezza della tua capigliatura.

Tossine che possono derivare, per esempio, dai risciacqui poco accurati, dalla frequente applicazione di prodotti per lo styling (gel, schiume fissanti, lacche), dal cloro della piscina e dal sale dell’acqua di mare o dall’inquinamento. Ecco tutti i trattamenti per farti ritrovare capelli morbidi, vaporosi, forti e sani.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

IL TRATTAMENTO DETOX

Nei saloni puoi provare un trattamento detox combinato. «Dopo un test per analizzare lo stato dei fusti, si stende un pre-bagno, si effettua uno shampoo specifico, quindi si applica una maschera. Tutti i prodotti contengono agenti purificanti, antiage e lenitivi, tra i quali l’argilla, l’aminoacido L-carnosina, la vitamina E e l’estratto di moringa, una pianta ricca di aminoacidi e minerali che rinforzano i capelli e calmano le infiammazioni del cuoio capelluto», spiega Salvo Filetti, hair designer di Compagnia della Bellezza. Il trattamento prosegue a casa con l’applicazione, per quattro settimane, di una lozione lenitiva, addolcente e rinforzante. Costo in salone: 35-40 euro.

LO SCRUB PROFESSIONALE

Una volta al mese in salone puoi effettuare un peeling del cuoio capelluto, per esempio a base di zinco piritione, un antimicrobico normalmente utilizzato per la forfora, e di altri attivi ed estratti botanici purificanti, esfolianti e calmanti, come frutti del pepe, corteccia di inga alba (una mimosa), liquirizia, allantoina.

In queste formule, adatte anche per le cuti sensibili, sono spesso presenti ippocastano e caffeina che, stimolando la microcircolazione del cuoio capelluto, migliorano l’ossigenazione e il nutrimento dei bulbi piliferi. Il peeling si applica sui capelli asciutti, viene lasciato in posa per 10-20 minuti e poi emulsionato e risciacquato prima di uno shampoo specifico. Costo: circa 16 euro.

LA PURIFICAZIONE FAI DA TE

➔«Detergi i capelli con oli delicati e dermoaffini. Alternali a shampoo antiforfora o con principi attivi astringenti e dermopurificanti, come catrame minerale o vegetale, biotina, limone, rosmarino, betulla», suggerisce Carlo Di Stanislao, dermatologo ed esperto di medicine naturali. Una volta alla settimana al posto dello shampoo puoi usare il rhassoul (in erboristeria), un’argilla schiumosa detergente ad alto contenuto di minerali che apportano nutrimento e “corpo” al fusto, oltre a disintossicarlo.

➔Per uno-due mesi, la sera puoi applicare lozioni idratanti a base di acido ialuronico, urea e acido beta glicirretico. Se hai le “squamette”, preferisci quelle specifiche contro la forfora. Se il problema sono i fusti sfibrati, vai con le lozioni con melatonina, fitoestrogeni ed estratto di melagrana. 

➔Una-due volte alla settimana, fai un impacco detossinante già pronto per l’uso, oppure preparalo  iscelando 1/4 di tazza di gel d’aloe e un cucchiaio di olio di semi di cotone o d’oliva. Aggiungi 2 cucchiai d’argilla bianca e mezza tazza d’acqua. Mescola bene, applica il tutto dopo lo shampoo per 15 minuti, infine risciacqua. «In alternativa puoi preferire impacchi con olio di neem: rigenera i capelli, calma il cuoio capelluto irritato e lo protegge», suggerisce Di Stanislao. 

IL PRODOTTO CURATIVO

Oltre ai classici prodotti per la difesa dai raggi UV (che aumentano la produzione di radicali liberi anche sui capelli), la sera puoi applicare speciali prodotti curativi, per esempio a base di antiossidanti e detossinanti come licopene, flavonoidi, riboflavina e vitamina C, e con thalitan, un oligosaccaride estratto dall’alga laminaria digitata.

Articolo pubblicato sul n.29 di Starbene in edicola dal 05/07/2016

Leggi anche

Sole: anche i capelli vanno protetti

Oli multiuso per viso, corpo e capelli

Capelli fini: come curarli

Capelli brillanti con il bicarbonato

Yogurt e uova contro i capelli grassi

Pubblica un commento