hero image

Gazpacho, un piatto gustoso e detox – La ricetta

Ottimo come aperitivo, antipasto o zuppa fredda aiuta il fegato a smaltire le tossine e a funzionare bene. Scopri come si prepara

credits: iStock



di Valeria Ghitti


Originario dell’Andalusia, il gazpacho è ottimo come aperitivo leggero, come antipasto fresco o, d’estate, come zuppa fredda. Non richiede abilità da chef e si presta a numerose varianti altrettanto gustose. Ed è un alleato prezioso per le “pulizie di primavera” del tuo organismo.


LA RICETTA TRADIZIONALE

La preparazione originale richiede per 4 persone: 6 pomodori, 1 cetriolo, 1 peperone rosso, 1 cipolla bianca,  aglio, aceto e olio extravergine di oliva (quanto basta), da frullare insieme. «Gli ortaggi crudi conservano intatti gran parte dei nutrienti.

E questo conferisce al gazpacho un alto contenuto di antiossidanti, tanto che una sola porzione fornisce già la metà del fabbisogno giornaliero consigliato», spiega la nutrizionista Roberta Martinoli.

«Sono proprio questi principi attivi a eliminare i radicali liberi in eccesso, che hanno molti effetti negativi sul nostro organismo». Inoltre, alcuni antiossidanti, come la vitamina C e i carotenoidi di cui sono ricchi peperoni e pomodori, o il glutatione presente in cipolle e aglio, aiutano il fegato a funzionare meglio, stimolandone l’azione disintossicante.

A ciò si aggiungono le proprietà diuretiche e drenanti dei cetrioli, che favoriscono l’eliminazione dei liquidi in eccesso e l’attività di regolazione intestinale garantita da pomodori e peperoni.


LA VERSIONE PRIMAVERILE

Per una variante altrettanto sana e di stagione, punta sugli asparagi: 500 g da frullare crudi con 2 gambi di sedano, 1 cipollotto, 1 avocado, peperoncino piccante, olio e limone (quanto basta).

Anche questo gazpacho primaverile è pieno di antiossidanti: la vitamina C del limone, i carotenoidi del peperoncino e il glutatione di cui sono particolarmente ricchi proprio gli asparagi, noti anche per il loro effetto diuretico.

«L’avocado, oltre a favorire la sintesi del glutatione, è un’importante fonte di Omega-3, grassi buoni che supportano il fegato, specie nel metabolismo dei grassi, riducendo la produzione di trigliceridi, con un effetto antinfiammatorio e cardioprotettivo », rivela la nostra nutrizionista.

Mentre il cipollotto contiene composti di zolfo che facilitano l’eliminazione delle tossine e la sedanina del sedano aumenta la motilità intestinale».


CON LA FRUTTA

Per una ricetta ancora più rinfrescante, al posto dei pomodori metti nel gazpacho 500 g difragole mature. Incrementano la quota di vitamina C e di antiossidanti, con il potere detox
a essi connesso, ed essendo icchissime d’acqua hanno anche un importante effetto diuretico.

«Inoltre, sono una discreta fonte di colina o vitamina J, utile per rinforzare le cellule del sistema nervoso. Infine, la colina ha anche un ruolo protettivo sul fegato, perché ne migliora la funzionalità», aggiunge la nostra esperta.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n.14 di Starbene in edicola dal 21/03/2017

Leggi anche

Porridge di avena: una colazione energizzante

La ricetta della zuppa di sorgo

Pane di segale: come si prepara

Brodo di carne: un benefico comfort food