A A
hero image

Formaggi grassi: alleati delle arterie

Secondo un recente studio contribuiscono a mantenere pulite le arterie, facendo salire il livello delle HDL. Ecco tutte le novità

credits: iStock



0

di Marzia Nicolini

Buone notizie per gli amanti di grana, pecorino, emmenthal e di tutti i formaggi più “asciutti” e calorici. Altro che nemici della salute cardiocircolatoria. Ben lontani dall’essere i principali responsabili del deposito di grassi lungo le pareti dei vasi sanguigni, avrebbero in realtà una funzione “protettiva”.

Pur essendo fonte di elevate quantità di lipidi (28-30% del peso) per lo più saturi e di colesterolo (90-100 mg all’etto), farebbero salire il livello delle HDL (le lipoproteine ad alta densità, considerate spazzine delle arterie). 

LO DICE LA SCIENZA

A sostenerlo è uno studio dell’Università di Copenaghen, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, che ha coinvolto 139 volontari sani, divisi in 3 gruppi. Quelli del primo hanno mangiato tutti i giorni 80 g di formaggio stagionato, quelli del secondo la stessa quantità di un prodotto più fresco e quelli del terzo, infine, niente derivati del latte sostituiti da almeno 90 g di carboidrati.

Il risultato? Dopo 3 mesi di sperimentazione i ricercatori danesi hanno notato che glicemia, grasso corporeo e colesterolo cattivo erano rimasti stabili in tutti i partecipanti, indipendentemente dal tipo di dieta seguito.

Mentre, contro ogni previsione, quelli che avevano consumato i prodotti più “vecchi” avevano visto crescere il loro colesterolo “buono” o HDL (cosa che di solito si verifica assumendo regolarmente olio extravergine d’oliva e Omega 3).

CAUSE DA CHIARIRE

Lo studio dell’Università di Copenaghen ha solo registrato quello che è successo senza però riuscire a spiegarne i motivi. «I risultati sono molto interessanti, l’importante è non leggerli come un’autorizzazione a consumare i formaggi stagionati senza limiti», avverte la dottoressa Simona Ferrero, nutrizionista alla Clinica Cimarosa di Milano.

«Non dimentichiamoci, infatti,che sono molto energetici (400 calorie all’etto) e ricchi di sale (da 1,5 a 4,5 grammi, davvero tanti se pensiamo che secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità non dovremmo superare i 5 g al giorno). Detto questo, confermo che sono un ottimo alimento dal punto di vista nutrizionale: ricco di proteine, calcio, fosforo, vitamina A e B; da consumare un paio di volte alla settimana, non di più».


SE SEI ATTENTA ALLA LINEA

«Ricorda che il formaggio va servito come un secondo, mai come un’aggiunta a fine pasto, in alternativa alla frutta», afferma la nutrizionista Simona Ferrero.

«Quello fresco è “poco” calorico, contiene meno proteine, grassi e sale, dunque può essere indicato se segui una dieta ipocalorica. Quello stagionato, povero di lattosio, può invece essere la scelta migliore per chi è allergico a questo zucchero».

Quanto alle quantità:100 grammi se punti su ricotta, mozzarella, stracchino; 50 grammi se preferisci parmigiano, fontina, caciocavallo. Senza superare le due porzioni settimanali, perché una dieta sana deve essere varia.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicalto sul n. 43 di Starbene in edicola dal 11/10/2016

Leggi anche

Formaggi: quali e come sceglierli

Formaggio alle mandorle, alternativa veg

Il calcio non si trova solo nei formaggi

Intolleranza al lattosio: sintomi, cause, test, rimedi

Colesterolo: quanto lo conosci?

Una nuova arma contro il colesterolo

Pubblica un commento