A A
hero image

Quali cibi lavare e perché

Uova, carne, frutta e verdura devono essere lavati prima di essere consumati? Un esperto spiega quali sciacquare e perché

credits: iStock



0

di Monica Marelli

La carne non va assolutamente lavata. L’americana Food and Drug Administration e l’inglese Food Standards Agency, gli enti governativi che si occupano, fra l’altro, di sicurezza alimentare,continuano a ribadire l’inutilità di sciacquare questo alimento, un’abitudine che invece ha l’80% dei consumatori statunitensi e il 40% dei cuochi britannici.

Il rischio infatti, che riguarda soprattutto il ollo, è quello di diffondere l’infezione di Campylobacter (causa di mal di pancia e diarrea) attraverso le goccioline d’acqua che schizzano inavvertitamente sulla pelle, sui vestiti e sulle superfici di lavoro della cucina.

A questo punto è spontaneo chiedersi: e gli altri alimenti freschi, vanno lavati o no? Abbiamo girato la domanda al dottor Giorgio Donegani, tecnologo alimentare. Ecco che cosa ci ha risposto.

>Uova: NO. Sotto il guscio, sono avvolte in una invisibile cuticola esterna che le protegge dai batteri. Se non le compri al supermercato, ma direttamente dal contadino,potrebbero presentare dei residui di escrementi e paglia. In questo caso limitati a passare un panno umido per eliminarli.

>Frutta e verdura bio: . Lasciale a bagno qualche minuto e poi passale sotto il getto del rubinetto. Di sicuro, visto il metodo di coltivazione, non hanno tracce di pesticidi, ma potrebbero essere sporche di terra o essere inquinate da parassiti. 

>Insalate prelavate: NO. Questi prodotti sono già pronti per il consumo e risciacquarli potrebbe comportare una diminuzione, sebbene minima, delle vitamine e dei sali minerali presenti. Meglio aprire le confezioni e gustarne subito il contenuto.

>Finocchi, carciofi, cavolo cappuccio, porri: . Non basta togliere le foglie esterne, perché tracce di sporco potrebbero essersi infilate anche tra quelle più interne. Per sicurezza ti conviene sempre lavare questi ortaggi.

>Agrumi: NO MA... Sui banchi dei supermercati ci sono frutti trattati in superficie con cere, che li rendono più brillanti, e con preparati anti-muffa. Tutte queste sostanze resistono all’acqua e rendono la buccia “non edibile” (l’indicazione andrebbe riportata sull’etichetta). Per non trasferirle alla polpa, una volta pelato l’agrume, pulisciti bene le mani con acqua e sapone. 

I DISINFETTANTI NON SERVONO

>BASTA LA SEMPLICE ACQUA

«Per pulire bene frutta e verdura non occorre aggiungere sostanze di alcun tipo: è sufficiente passarle sotto il getto del rubinetto per rimuovere polvere, eventuali residui di terra o di altre sostanze.
Quest’operazione contribuisce anche a eliminare gli eventuali batteri presenti sulla superficie dei vegetali», assicura la dottoressa Giann Ferretti, biologa e docente della Scuola di specializzazione in scienze dell’alimentazione dell’Università politecnica delle Marche. «Bisogna avere maggiore attenzione se si è in gravidanza per il pericolo toxoplasmosi (una malattia causata da un parassita che può danneggiare il feto), ma anche in questo caso basta un attento lavaggio con acqua corrente: gli esperimenti hanno infatti dimostrato che le sostanze igienizzanti non garantiscono una migliore protezione dai microrganismi».


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Articolo pubblicato sul n. 44 di Starbene in edicola dal 18/10/2016

Leggi anche

Pesticidi: quali sono i rischi?

Glifosato: che cos'è e quali sono i rischi

Carne, quale mangiamo?

Pesce: mini guida al consumo

Pubblica un commento