A A

Tumori: le regole per prevenirli a tavola

Controllando quello che si mangia, è possibile ridurre il rischio di ammalarsi



0

In occasione del World Cancer Day, l’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI) ha ricordato a tutti che un terzo delle neoplasie possono essere prevenute attraverso una dieta sana e corretta, nonché adottando qualche buona abitudine di vita, come mantenere nella norma il proprio peso corporeo e muoversi con regolarità.

Ecco i preziosi consigli degli esperti, che hanno utilizzato come riferimento le linee guida emanate dal World Cancer Research Fund International.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Controllare il peso corporeo

Innanzitutto è necessario mantenere l’Indice di Massa Corporea (IMC) tra 18,5 e 24,9: per calcolare questo importante indicatore, bisogna dividere il peso per l’altezza espressa in metri al quadrato. Ad esempio una persona che pesa 70kg ed è alta 1,74m ha un IMC di 70:(1,74 x 1,74) = 23,1. 

Per evitare che l’ago della bilancia cresca è importante non esagerare a tavola e fuori pasto, soprattutto con cibi dolci e grassi che risultano particolarmente calorici, ma anche fare movimento con regolarità.

Non c’è tempo per la palestra? Basta camminare a passo svelto per un totale di 150 minuti a settimana.

Limitare gli eccessi

L’abuso è sempre nocivo, ancor più se si parla di dolci e di grassi che possono favorire un aumento di peso, di bevande gassate particolarmente ricche di zuccheri, ma anche di alcolici che forniscono solo calorie e nessun nutriente (buona regola infatti sarebbe quella di non superare un bicchiere di vino o di birra al giorno per le donne e due per gli uomini).

Attenzione anche a contenere il consumo di sale e quindi di alimenti che ne contengono una grande quantità, come formaggi stagionati, snack e salumi.

Variare sempre la dieta

Una dieta varia e completa è essenziale per assicurare all’organismo il giusto apporto di tutti i nutrienti, dai carboidrati alle proteine, dalle vitamine agli oligoelementi, necessari per tutte le funzioni vitali e per evitare il rischio di incorrere in pericolose carenze che possono indebolire l’organismo.

Seguire la stagionalità, soprattutto quando si tratta di frutta e di verdura, poi, permette di godere al meglio di tutte le sostanze antiossidanti, dalla preziosa azione protettiva, presenti negli alimenti di origine vegetale.

Portare sempre in tavola frutta e verdura

La frutta e la verdura sono alimenti preziosi per il loro straordinario contenuto in vitamine, minerali, oligoelementi e antiossidanti ad azione protettiva, alcuni dei quali hanno una spiccata azione di prevenzione contro i tumori.

Importante anche aumentare il consumo di legumi, fagioli, ceci, lenticchie, piselli e fave, che possono essere un valido sostituito delle proteine di origine animale.

Attenzione anche alla cottura: un recente studio dell’Università di Granada ha dimostrato che, rispetto alle verdure bollite, i vegetali cotti in padella con un po’ d’olio extravergine di oliva aumentano la loro capacità antiossidante e hanno un miglior effetto protettivo contro i tumori.

Prediligere la dieta mediterranea

Gli studi confermano di continuo il ruolo fondamentale svolto dalla dieta mediterranea non solo nel favorire il benessere e la salute dell’intero organismo, ma anche nel prevenire patologie gravi come i tumori.

Merito soprattutto del fatto che questo tipo di alimentazione privilegia frutta e verdura, condisce con olio extravergine di oliva e porta in tavola spesso il pesce ricco di preziosi acidi grassi Omega 3, limitando invece l’apporto di carni rosse e conservate, ad alto tenore di grassi insaturi e di sodio.

Leggi anche

Sport e tumore alla prostata

Mammografia: indispensabile per la diagnosi precoce

Germogli di broccoli contro il cancro al seno

Focus on: tumore al seno

Tumore al seno: il punto sulle terapie

Tumore al seno: si può non operare?

Lo sport protegge dal cancro al seno

Pubblica un commento