A A

Pasta, un piatto davvero in linea

Perché rinunciare al piacere di un piatto di spaghetti? Con le giuste attenzioni la pasta è un valido alleato della salute e della linea



0

Il piacere di un buon piatto di pasta non si nega a nessuno, neppure a chi è a dieta. «Perché, a dispetto di quanto si tende a credere, il cibo più amato dagli italiani non solo non fa ingrassare ma aiuta anche a mantenersi in forma e a non far salire l’ago della bilancia» conferma il professor Nicola Sorrentino, medico e nutrizionista, specializzato in Scienza dell’Alimentazione e Dietetica.

«La pasta e in generale i carboidrati complessi dovrebbero essere il fondamento su cui si basa l’alimentazione di coloro che vogliono dimagrire: ricavare il 60% delle energie dai carboidrati significa infatti poter ridurre l’apporto di grassi, a tutto vantaggio della linea».


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Una fonte privilegiata di carboidrati complessi

«Per stare bene il nostro organismo deve introdurre ogni giorno nelle giuste proporzioni proteine, grassi, zuccheri, vitamine, sali minerali, fibre e acqua – spiega Sorrentino – I carboidrati devono rappresentare la parte più significativa della dieta: il 55-60% delle calorie totali della giornata dovrebbe arrivare dai carboidrati, in particolare da quelli complessi come gli amidi, i costituenti principali della pasta, che sono i migliori perché hanno un basso indice glicemico e aiutano quindi a sentire meno la fame e a tenere meglio sotto controllo il peso».

Si brucia presto

«La pasta predispone meno al sovrappeso rispetto ad altri alimenti che sono fonte esclusiva di proteine e di grassi come i cibi di origine animale» continua l’esperto.

«Questo proprio per come funziona il nostro metabolismo: i carboidrati infatti vengono smaltiti molto rapidamente dall’organismo e, se non si esagera nel piatto con altri nutrienti come i grassi, le calorie che apportano vengono disperse molto più facilmente sotto forma di calore piuttosto che immagazzinate ad arrotondare i punti critici».

Attenzione alle scelte

«Tra i diversi tipi di pasta quella integrale è sicuramente la più raccomandata per chi vuole preservare la salute e anche la linea» continua Sorrentino.

L’apporto di fibre garantisce infatti un buon funzionamento dell’intestino evitando accumuli di scorie che rallentano il metabolismo e in più offre un rapido senso di sazietà che permette di limitare a tavola il consumo di altri cibi.

In ogni caso la quantità è importante: la pasta si può infatti mangiare tutti i giorni controllando però le quantità quando si vuole dimagrire o comunque non aumentare di peso.

La cottura è fondamentale

«Quando si desidera dimagrire non è assolutamente vero che si devono abolire i carboidrati, pasta in testa – conferma il dottor Luca Piretta, specialista in Gastroenterologia, Endoscopia Digestiva e Scienza della Nutrizione Umana presso il Dipartimento di Scienze Cliniche dell’Università La Sapienza di Roma – Bisogna imparare invece ad assumere al meglio i carboidrati».

La prima regola? «Cucinare la pasta sempre al dente in modo che abbia il minor impatto possibile sulla glicemia e non provochi quindi picchi di insulina che fanno ingrassare» commenta Piretta.

Leggerezza nei condimenti

«Fondamentali sono poi i sughi con cui si condisce la pasta» continua Piretta. L’abbinamento ideale è naturalmente con le verdure che completano il piatto dando un senso maggiore di sazietà e aggiungendo nutrienti preziosi come le vitamine e i minerali.

Attenzione poi ai grassi che si usano come condimenti: l’olio extravergine resta il migliore, soprattutto se aggiunto a crudo, in quantità non superiori a un cucchiaio per piatto.

«In questa stagione dell’anno ideale è accompagnare la pasta al dente con un sugo di funghi mentre in primavera con uno di asparagi, per avere un bassissimo indice glicemico e un piatto assolutamente in linea» conclude Piretta.

Leggi anche

Non solo pasta nella dieta mediterranea

Pasta: sana, buona e in linea

Viva la pasta!

Prodotti di stagione

Tutte le virtù dell’uva

Tutto il buono dell’autunno

È il momento della zucca, alleata della linea

Pubblica un commento