A A

Non solo pasta nella dieta mediterranea

Il modello di alimentazione considerato tra i più validi per preservare la salute, prevede anche carni, legumi, uova e, a sorpresa, frutta secca



0

Nutrizionisti e dietologi sono concordi nell’affermare che la dieta mediterranea rappresenta uno dei modelli alimentari più validi per preservare la salute e il benessere dell’intero organismo.

«Ma non si deve dimenticare che, accanto a frutta, verdura e pasta (alimenti immediatamente associati a questo tipo di alimentazione), la dieta mediterranea propone anche altri cibi, in particolare quelli a base proteica come la carne, il pesce, i salumi, le uova e i legumi» precisa la dottoressa Elisabetta Bernardi, nutrizionista e autrice del libro “Oggi cosa mangio”.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

L’importanza delle proteine

«Pesce e molluschi, carni e uova, sono ottime fonte di proteine nobili, fondamentali per il buon funzionamento dell’organismo – precisa la dottoressa Bernardi – La carne in particolare, spesso oggetto di troppi pregiudizi, è uno dei alimenti che contribuisce al perfetto equilibrio nutrizionale garantito dalla dieta mediterranea».

Certamente però, senza eccedere: «un consumo di due volte alla settimana, è la scelta ideale per assicurarsi tutti i nutrienti di cui le carni sono ricche, senza esagerare con i grassi e le calorie» spiega infatti l’esperta.

Per un giusto apporto di ferro

La carne non è solo una fonte privilegiata di proteine e aminoacidi essenziali, indispensabili per costruire e mantenere forti i tessuti dell’organismo, ma «fornisce anche un’elevata quantità di ferro che risulta pù facilmente disponibile e assorbibile dall’intestino rispetto a quello di origine vegetale, legato a sostanze come i fitati che ne riducono la disponibilità per l’organismo» commenta l’esperta.

In quest’ottica poi, è consigliabile non cadere nei luoghi comuni: la carne bianca è altrettanto ricca di ferro di quella rossa, e per di più è magra, digeribile e leggera.

Salumi, ma senza esagerare

Anche la carne di maiale può trovare posto nella dieta mediterranea.

«Al pari di quella di bovino e di pollo, la carne di suino presenta una percentuale di colesterolo relativamente bassa, un fattore che la rende un alimento valido e prezioso, a dispetto del credere comune che la pensa grassa e pesante – spiega la dottoressa Bernardi – Persino i salumi possono essere degli alleati insospettabili della dieta mediterranea: il prosciutto cotto, ad esempio, è un’ottima fonte di ferro e proteine, con pochi grassi e un’ottima digeribilità che lo rende perfetto per bambini e anziani».

Preziosi legumi

«Un’altra importante fonte di proteine è rappresentata dai legumi, che apportano aminoacidi essenziali più sali minerali, in particolare calcio e fosforo, e vitamine del gruppo B (B1-B2 e niacina) che non devono mai mancare nel quadro di un’alimentazione equilibrata e sana» commenta la nutrizionista.

«Non si deve dimenticare però che alcuni minerali come il ferro sono meno assimilabili rispetto alle fonti di origine animale ed è per questo che è fondamentale prevedere nella dieta il consumo di carne e pesce almeno due volte la settimana».

Per uno snack salutare

«La frutta secca è un altro alimento prezioso della dieta mediterranea – conclude la dottoressa Bernardi – Si può consumare come dessert e snack perché, grazie al ridotto contenuto di zuccheri e al notevole apporto di sali minerali, in particolare potassio e ferro, e di vitamine rappresenta un alimento dall’alto valore nutrizionale, ottimo anche per ritrovare energia durante la giornata oppure prima e dopo l’attività fisica».

La frutta secca inoltre contiene preziosi acidi grassi essenziali, utili per contrastare il colesterolo e migliorare l’attività del cuore.

Leggi anche

5 virtù della dieta mediterranea

La dieta Mediterranea protegge il cuore

Pasta: sana, buona e in linea

Carne: lo sapevi che?

Carne, quale mangiamo?

Pollo: perché mangiarlo

Meno carne, ecco i benefici

Pubblica un commento