A A

Frutta: è buonissima anche cotta

Non c’è solo la mela: alla piastra e al cartoccio si possono cucinare anche altri frutti, per un dessert leggero e sano



0

C’è chi ancora la identifica con un piatto triste e punitivo, da riservare ai giorni in cui si è malati. In realtà la frutta cotta oggi è stata pienamente rivalutata da chef e gourmet. Innanzitutto perché con le ricette giuste è buona ma anche perché è un modo perfetto per concedersi una pausa dolce senza appesantirsi e far salire l’ago della bilancia.

Senza dimenticare il lato economico: da cuocere sono ideali infatti anche i frutti troppo maturi e imperfetti.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Tutto parte dalla mela…

La mela è il frutto che meglio si adatta a qualsiasi tipo di cottura e a qualunque abbinamento. Le varietà più adatte ad essere cotte? La Golden Delicious che caramella bene in forno e la Stark, perfetta al microonde.

La Gala invece è ideale da cuocere sulla griglia a fettine e da servire non solo come dessert ma anche come accompagnamento delle carni. Attenzione solo in questo caso a non scegliere frutti troppo acerbi che diventano acidi, o al contrario troppo maturi che si sfaldano e assumono un sapore dolciastro poco gradevole.

Le pere? Nel vino ma non solo

Ci alcune varietà di pere, le Martin Sec e le Madernassa, particolarmente adatte ad essere cotte nel vino mentre le pere dalla polpa farinosa come la Decana e la Williams si possono rosolare in padella con un filo di zucchero per ottenere un dessert molto gradevole.

Se si aggiungono insieme rondelle di cipollotti, scalogni o porri, un filo di olio extravergine d’oliva, qualche bacca di ginepro si ottiene una crema perfetta da abbinare agli arrosti e ai formaggi saporiti.

L’ananas, anche alla griglia

L’ananas è uno dei frutti più versatili, perfetto in abbinamento sia con i cibi salati che dolci. Si sposa bene ai formaggi, anche quelli erborinati, alle carni bianche, ai crostacei e alle verdure, soprattutto quelle amare: a tutti questi cibi si può accostare dopo averlo grigliato oppure cotto alla piastra ben calda in modo che cuocia all’esterno e rimanga tenero all’interno.

Con l’ananas grigliato e tagliato a dadini si possono preparare gustosi spiedini con altra frutta oppure con il pollo sempre grigliato.

Le banane, fritte per le grandi occasioni

Una volta cotte diventano cremose, dolci e molto gustose soprattutto se spolverate con cioccolato amaro oppure cannella. La cottura ideale è quella flambé: si taglia la banana a pezzi, si mette in padella con un po’ di burro e una spolverata di zucchero, e si irrora quando è calda con un po’ di rum inclinando la padella verso la fiamma in modo che il liquore prenda fuoco.

Per le occasioni speciali le banane si possono anche friggere dopo averle intinte in una miscela di zucchero e succo di arancia. Attenzione però che in questo caso il dessert diventa decisamente pesante e calorico.

Pesche e albicocche al forno

Sono tante le varietà di pesche e ognuna ha una sua cottura ideale. Quelle gialle a polpa soda e le percocche sono perfette per le lunghe cotture al forno mentre le pesche noci si prestano ad essere passate sulla griglia, a fette oppure a tocchetti, pronte poi per essere utilizzate per gustosi spiedini insieme a pezzetti di formaggio, pollo e verdure dal gusto delicato.

Anche le albicocche si possono cuocere alla griglia a patto che siano molto sode altrimenti rischiano di diventare troppo molli e poco gustose.

Leggi anche

La frutta secca non fa ingrassare

Frutta e verdura sì, ma coloratissime

Frutta secca e semi: golosi e salutari

Dolci e dessert

Dieta: i dolci salvalinea

Dolcezza, ma senza zucchero

Dolcificanti: impara a conoscerli

Pubblica un commento