A A
hero image

Vuoi dimagrire? Riduci il disordine

Secondo un recente studio, il caos spinge a mangiare più dolci. Ecco come trovare un equilibrio

credits: iStock



0


Partiamo dalle conclusioni della ricerca pubblicata sulla rivista Environment an Behavior (vedi qui di seguito). Secondo gli esperti della Cornell University di Ithaca (Usa) e della University of New South Wales di Sidney (Australia) un ambiente caotico e rumoroso ci spinge a mangiare di più e peggio, soprattutto se ci sentiamo sotto stress. «Se ogni cosa è fuori controllo perché non dovrei esserlo anch’io?», è la considerazione del professor Lenny Vartanian, lo psicologo che ha coordinato lo studio. Ma allora che cosa possiano fare? Semplicemente, riordinare?


LA SOLUZIONE NON È “METTERE A POSTO”

«Servirebbe solo a farci sentire più in colpa e non eliminerebbe il problema», afferma la dottoressa Daniela Bavestrello, psicologa e psicoterapeuta, esperta in disturbi del comportamento alimentare. «Non è infatti il disordine esterno, ma la sofferenza interiore che ci spinge in determinate direzioni. Se siamo tristi, avremo voglia di consolarci e di farci proteggere. E il caos potrebbe acuire questo desiderio.

Non a caso, nello studio in questione, ad aumentare non è il consumo di cracker (pure ricchi di carboidrati, che favoriscono la liberazione di serotonina) o di carote (sane e comunque “dolci”), ma solo di biscotti, cioè di cibi registrati come “coccola”, ricordi dell’infanzia, tenerezza. Un modo per dirci: non ti preoccupare, ci penso io a te, ti difendo!».


PENSA POSITIVO

«Allora, dobbiamo imparare a scaricare la tensione e a riempirci di cose buone anche in altri modi. «L’obiettivo è sempre quello di riequilibrare uno stato interno sia fisico sia mentale. Invece che con una porzione di dolci, proviamo a farlo con una dose di “endorfine” senza calorie: una corsa, un bagno tonificante, magari anche sfogando un po’ di sana rabbia, perché no? Tutto, pur di riuscire a buttare fuori lo stress, anziché cacciare dentro gli zuccheri». 


LO STUDIO PASSO PER PASSO

> NEL CAOS CRESCE LA VOGLIA DI DOLCE - 98 studentesse sono state lasciate ad aspettare per un’ora in due ambienti differenti. Chi era stata assegnata a una cucina disordinata e rumorosa aveva mangiato il doppio dei biscotti (il 100% in più) rispetto alle compagne che si trovavano in un locale pulito e silenzioso. Il “casino” non ha invece influenzato il consumo di carote e cracker.


> LO STRESS PEGGIORA LE COSE Le partecipanti alle quali era stato chiesto di pensare a un momento difficile della loro vita avevano assunto più dolci di quelle che avevano dovuto ricordare un periodo felice, indipendentemente dalla stanza in cui stavano.


Fai la tua domanda ai nostri esperti


Articolo pubblicato sul n.18 di Starbene in edicola dal 19/04/2016

Leggi anche

Allenati facendo le pulizie

Inquinamento domestico: come difendersi

Dieta vegetariana flessibile: cos'è e cosa si mangia

Dieta Dukan, tutti i segreti

Kyminasi diet: il microchip per dimagrire

Yukendu, dimagrire on line con l'aiuto del coach

Pubblica un commento