A A

Detox di primavera: 5 strategie anti-zavorra

Piccole strategie per eliminare tossine, gonfiore, grasso in eccesso, e salutare in leggerezza l’arrivo della primavera



0

Secondo una recente ricerca del Censis dedicata alla percezione del corpo, guardandosi allo specchio gli italiani per lo più si piacciono, nonostante un 15% detesti il proprio fisico, in toto oppure a pezzi.

Resta di fatto comunque che con l’arrivo della bella stagione, scatta per tutte la voglia di vedersi meglio, più armoniose, snelle e leggere. Eliminare le tossine accumulate durante un lungo inverno sedentario è la miglior strategia verso la leggerezza. Ecco cinque semplici mosse per centrare l’obiettivo.


Fai la tua domanda ai nostri esperti

Bere di più

È la prima regola per smaltire gli eccessi di scorie che si sono accumulate durante la fase del “letargo” invernale.

L’acqua naturale, possibilmente povera di sodio, è la miglior alleata in questa direzione. Si comincia a berla il mattino, prevedendo un grosso bicchiere magari con una spruzzata di succo di limone da sorseggiare a digiuno per risvegliare con dolcezza tutte le funzioni dell’organismo. Si continua durante il giorno calcolando di bere almeno un bicchiere di acqua ogni due ore per arrivare a un totale di due litri giornalieri.

Fare spazio alla verdura

La primavera offre moltissime verdure tenere, ricche di clorofilla, fibre, vitamine e antiossidanti, sostanze benefiche che insieme attivano i processi di drenaggio di liquidi e tossine.

Portarle in tavola con regolarità, a pranzo e a cena, assicura all’organismo il giusto apporto di questi principi attivi benefici insieme a un buon quantitativo di acqua che favorisce ulteriormente lo smaltimento delle scorie. Ideale è consumare le verdure crude, in insalata, in pinzimonio e per chi preferisce anche in versione centrifuga.

Preferire l’integrale

Pane, pasta e riso non sono da abolire quando ci si vuole rimettere in forma. Meglio scegliere però la versione integrale che non solo è più ricca di nutrienti, dalle vitamine ai sali minerali, ma è una fonte privilegiata di fibre, indispensabili per mantenere regolato l’intestino evitando accumuli di scorie che appesantiscono.

In versione integrale si possono scegliere anche i cereali per la colazione: così si comincia già dal mattino una valida strategia detox che può continuare durante la giornata scegliendo per pranzo e cena non solo pasta e riso ma anche farro, orzo e grano sempre nella versione integrale.

Lo spuntino sempre, ma sano

Snack dolci e salati sono un concentrato di zuccheri, grassi, conservanti e coloranti che contribuiscono a caricare l’organismo di scorie. E se lo spuntino va quindi sempre previsto a metà mattina e a metà pomeriggio per non tenere troppo fermo il metabolismo e arrivare con una fame eccessiva al pasto, la scelta deve essere particolarmente attenta.

Bene in modo particolare per la frutta che dà energia senza appesantire e per lo yogurt magro, anche nella versione da bere.

Dal tè verde alle tisane

Per incrementare l’apporto di liquidi e favorire lo smaltimento delle scorie, oltre all’acqua, si possono bere durante il giorno qualche tazza di tè verde che abbina all’azione drenante anche un valido effetto antiossidante, prezioso per mantenere giovani e vitali i tessuti. Ottime anche le tisane e gli infusi.

In funzione detox si possono scegliere mix già pronti oppure preparare un infuso lasciando macerare per una notte in frigorifero in una caraffa di acqua un cetriolo tagliato a fette e una manciata di foglie di menta ben lavate oppure tre fette di melone a pezzetti e un mazzetto di basilico.

Leggi anche

Beauty detox: la strategia

Effetto detox con la barbabietola

Tisane detox contro la cellulite

Come riattivare il metabolismo?

La dieta del supermetabolismo

L’importanza del controllo del metabolismo: da oggi si può

Come accelerare il metabolismo?

Pubblica un commento