A A

10 cibi che ti aiutano a dimagrire

Sono quelli che stimolano la tiroide e il metabolismo ed eliminano le tossine. Ecco quelli scelti dall’esperta



0

Quali sono i cibi alleati della linea? Lo abbiamo chiesto a una vera esperta in materia: la dottoressa Anna D’Eugenio, medico nutrizionista a Roma, che da anni utilizza gli alimenti per la cura di diversi disturbi (compresi quelli legati al sovrappeso e alla ritenzione idrica). Gira pagina e scopri la top ten che ha stilato per te. Saprai che cosa devi inserire nel menu per velocizzare le funzioni del tuo organismo, bruciare più calorie e sgonfiarti. Pesce di mare, frutti di bosco, uovo e peperoncino (per citarne solo alcuni) saranno i tuoi alleati antirotolini. Così potrai mostrarti in costume senza sentirti a disagio.

Fai la tua domanda ai nostri esperti

 


Stimolano la tiroide
Perché sono ricchi di iodio (che attiva questa ghiandola endocrina, velocizzando tutte le funzioni dell’organismo) e proteine (indispensabili per la produzione degli ormoni).

Pesce - Contiene in più fosforo e acidi grassi Omega 3 (che migliorano il tono dell’umore, a vantaggio della linea).

Crudo o cotto? La sua azione è maggiore se lo mangi crudo. Ma se così non ti piace, cerca almeno di evitare le cotture prolungate.

La quantità giusta: 200 g, 3-4 volte alla settimana, dando la preferenza a quello di mare pescato che fornisce molto iodio.

L’abbinamento ok: carpaccio di pesce spada + insalata + ananas (dà lo sprint all’organismo e migliora l’eliminazione delle tossine).

Uovo - È fonte di proteine di ottima qualità che vengono metabolizzate dall’organismo producendo poche scorie azotate, così i reni non devono affaticarsi per smaltirle.

Crudo o cotto? L’ideale è alla coque: meno cuoce più aiuta a dimagrire. Se poi lo mangi senza mescolare tuorlo e albume, a parità di calorie risulterà anche più energizzante.

La quantità giusta: fino a 3-4 alla settimana se non hai problemi di colesterolo alto. È vietato solo se hai i calcoli alla cistifellea.

L’abbinamento ok: uovo alla coque + asparagi + melone (stimola la tiroide e favorisce la diuresi).



Sedano Oltre allo iodio ti regala tante fibre.

Crudo o cotto? Crudo è più diuretico, cotto è più lassativo. Ma l’effetto sulla tiroide non cambia.

La quantità giusta: 150 g non più di 4 volte alla settimana, altrimenti può scatenare la colite.

L’abbinamento ok: crema tiepida di sedano e carote + pesce al vapore + frutti di bosco (fa lavorare la ghiandola endocrina, libera l’intestino e sgonfia le gambe).

Svegliano il metabolismo
Sono gli alimenti vegetali con più ferro e vitamina C. Il primo entra nella costruzione degli enzimi che migliorano la respirazione delle cellule, la seconda è un attivatore di tutti i processi dell’organismo, compresi quelli che servono per bruciare le calorie.

Kiwi - È una buona fonte anche di potassio (che riduce la ritenzione idrica) e di fibre (antistitichezza).

La quantità giusta: 1 tutti i giorni, a metà mattina o a merenda. È uno dei pochi frutti che non dà problemi digestivi nemmeno a chi soffre di gastrite.

L’abbinamento ok: riso + cicoria + kiwi (contrasta l’azione astringente del riso, accelera il metabolismo, purifica i reni e l’intestino).

Frutti di bosco - Oltre al ferro e alla vitamina C sono ricchi di sostanze come i tannini e le antocianine, che favoriscono la circolazione e rinforzano le pareti dei capillari, dandoti una mano a prevenire la ritenzione idrica.

La quantità giusta: una ciotolina (100 g) a colazione, alternando i diversi tipi di frutto, per sfruttarne al meglio le caratteristiche. Fragole e lamponi agiscono meglio sul metabolismo. More e mirtilli sul microcircolo.

L’abbinamento ok: frutti di bosco + yogurt + cereali integrali in fiocchi (le calorie dei cereali vengono bruciate al massimo grazie ai frutti di bosco, mentre lo yogurt assicura la quota di proteine e grassi necessaria per cominciare bene la giornata).

Peperoncino - Fornisce le vitamine C, A, E e K, rame e potassio. Migliora gli scambi di membrana che avvengono nelle cellule (è quindi utilissimo per dare una marcia in più all’organismo). È antinfiammatorio, dinsifettante e attiva la termogenesi.

La quantità giusta: un trito di peperoncino fresco (o di quello secco intero) ti aiuta a ridurre l’uso del sale.

L’abbinamento ok: pasta con aglio, olio e peperoncino + insalata di carciofi crudi + kiwi (fa bruciare calorie, sgonfia e depura).

Sono diuretici
Grazie al mix giusto di minerali (in particolare sodio e potassio), alla ricchezza di acqua e di altre sostanze particolari, questi vegetali hanno un’azione drenante e lassativa, indispensabile per perdere peso.

Cicoria: A questa famiglia appartengono insalate diverse, da quelle da taglio, al tarassaco, alle puntarelle. Hanno spesso un gusto amarognolo, indicativo delle loro proprietà depurative.

Cruda o cotta? Dipende dal tipo di cicoria. Quella da taglio va consumata cruda (così stimola meglio i reni). Tarassaco e puntarelle hanno le stesse proprietà se mangiati al naturale, mentre cotti intervengono di più sull’intestino.

La quantità giusta: 150-200 g 3-4 volte alla settimana, alternando varietà e ricette.

L’abbinamento ok: frittata di cicoria + kiwi (per la pancia); uovo + insalata di cicoria + ananas (per i reni).

Cipolla - Contiene sostanze simili alla cinarina (un antiossidante dei carciofi) che aumentano l’eliminazione dei liquidi e attenuano la cellulite.

Cruda o cotta? I benefici della cipolla raggiungono il top se la assumi cruda. Ma attenzione, può aumentare l’acidità di stomaco se hai la gastrite! Da cotta, invece, è più digeribile, combatte la stipsi, ma può causare la formazione di gas intestinali (un guaio se hai la colite!).

La quantità giusta: 50 g cruda o 150 g cotta da 2 a 4 volte alla settimana.

L’abbinamento ok: cipolla al forno + pesce al forno + avocado (velocizza il metabolismo e depura l’apparato digerente); frittata + cipolla cruda + frutti di bosco (stimola la tiroide e i reni).

Asparagi - Sono un ottimo alleato contro la cellulite (e la ritenzione idrica che ti fa pesare di più) perché, essendo ricchi di potassio e poveri di sodio, favoriscono l’eliminazione dei liquidi. In più la loro rutina rafforza le pareti dei capillari.

La quantità giusta: 200 g 1 volta alla settimana (da evitare se sei predisposta alla formazione di calcoli renali o alla cistite perché agevolano la formazione di sedimenti nelle vie urinarie).

L’abbinamento ok: asparagi + uovo + frutti di bosco (migliora il metabolismo e la cellulite).

Ananas - All’azione diuretica unisce quella antinfiammatoria: “asciugale forme e riduce l’aspetto a buccia d’arancia della pelle.

La quantità giusta: 200 g di quello fresco (non sciroppato) anche tutti i giorni, ma mai da solo perché può scatenare i bruciori di stomaco.

L’abbinamento ok: panino al prosciutto + insalata + ananas (agisce sulla tiroide e ti depura).

Articolo pubblicati sul n.30 di Starbene del 14/07/2015

Leggi anche

Per dimagrire, meglio non saltare i pasti

Perdi peso senza diete

Cucina ayurvedica, ti sgonfi e perdi peso

Viva la pasta!

Anguria: buona, dissetante e in linea

Pubblica un commento