A A
hero image

Buffet di Natale: le scelte ok per la dieta

I cibi tipici delle feste sono molto calorici e ricchi di grassi. Ecco quali scegliere per mangiare in serenità con la nostra Dieta Libera

credits: istock



0

di Giorgio Donegani


Abbiamo messo sotto la lente 5 protagonisti della tavola natalizia. Scegliendo tra quelli che possono entrare (a dosi controllate) anche nel menu della Dieta Libera. Eccoli.

 

ARAGOSTA, GAMBERI & CO.

I crostacei hanno carni magre e un ottimo contenuto di proteine pregiate, inoltre non sono particolarmente ricchi di colesterolo. Il loro problema è piuttosto nella digeribilità, laboriosa per l’elevato tessuto connettivo (quello duro) che contengono, ma in gelatina o come insalata di mare possono trovare tranquillamente posto nel menu natalizio. Quando li compri controllane con attenzione la freschezza (sono molto deperibili): il carapace non deve presentare zone scure e le carni devono avere un colore bianco candido senza sfumature giallo-verdognole. Nel prodotto sgusciato non si devono poi evidenziare macchie scure a livello del tronco, dovute alla rapida alterazione dell’apparato intestinale. Occhio al prezzo: da 80 al chilo in su l’aragosta, un po’ meno di 20 gamberi e scampi.

 

INSALATA RUSSA

Una dadolata di verdure bollite e una quantità variabile di maionese sono gli ingredienti base dell’insalata russa, uno degli antipasti più calorici della tavola natalizia (un etto apporta circa 300 calorie). Il numero delle uova e il tipo di oli utilizzati per la preparazione della maionese fanno la differenza in termini di qualità ma la percentuale di grassi forniti è sempre alta. Preferisci le preparazioni molto più ricche di verdure che di salsa, lasciandoti guidare dalla vista (se compri l’insalata russa al banco della gastronomia) o leggendo gli ingredienti (se la prendi già confezionata). La spesa ok: circa 10 al chilo.

 

PATÉ

Le calorie sono 350-400 all’etto, ma se ti limiti a 20-30 g (un buon assaggio!) scendono a un livello accettabile. Attenzione alla ricetta, perché può essere varia e fantasiosa. Controlla gli ingredienti sul prodotto confezionato o chiedi al banco gastronomia. Se il glutammato è quasi sempre presente nella gelatina, è sulla scelta delle carni che devi concentrarti: il top si ottiene con muscolo e fegato di vitello insieme a un po’ di prosciutto crudo, insaporiti con liquore (perfetto l’armagnac) o del vino di Porto. Quanto agli additivi: meno ce ne sono e meglio è. Il prezzo giusto: da 20-30 fino a 50-60 al chilo.

 

SALMONE AFFUMICATO

Non dà troppe calorie (se non lo accompagni al burro). Puoi scegliere tra  quello dell’Atlantico (della specie Salmo Salar) e quello del Pacifico (Onchoryncus): tra i due tipi non c’è molta differenza. Al momento dell’acquisto concentrati invece sull’aspetto delle fette, che non devono presentare troppe parti scure, e preferisci quelle più grandi che corrispondono alla parte centrale del filetto, la meno salata. Prediligi poi l’affumicatura a freddo. Il costo del salmone può variare da 20 a 70 al chilo.

 

CAVIALE

Sotto il profilo nutritivo non si può dire che sia un alimento propriamente sano, sia per l’alto contenuto di sale e grassi, sia perché è ricco di particolari sostanze (basi puriniche) che l’organismo fatica ad eliminare. Ma se ne mangia così poco che il problema principale, semmai, è il costo. L’importante è evitare i succedanei (uova di lompo o di capelano), che in genere sono un concentrato di additivi: stabilizzanti (E412), conservanti (E202, E211), acidificante (E330), coloranti (E110, E151). Se caviale deve essere, che sia quello vero. Il prezzo: 100 all’etto quello italiano d’allevamento (ottimo!), 400 quello iraniano.

 

Menu libero senza esagerare

> Sì al pesce «Nella Dieta di Starbene ne sono previste ogni settimana 2-3 porzioni da 150 g di quello fresco», dice la dottoressa Carla Lertola, medico dietologo. «La quantità ok per i crostacei cotti e al netto degli scarti è di 120 g, mentre per il salmone affumicato è di 60 g».

> No all’eccesso di salse «Maionese e prodotti simili non vanno demonizzati», rassicura la nostra esperta. «Tutto può essere inserito nel menu di Natale, anche l’insalata russa, o il cocktail di gamberi ma avendo l’attenzione di eliminare la salsa, se è troppa. Per limitare i grassi e le calorie e facilitare la digestione».


Fai la tua domanda ai nostri esperti


Articolo pubblicato sul n. 50 di Starbene in edicola dal 01/12/2015

Leggi anche

Dieta: le dritte per le feste di Natale

Via libera alle tentazioni

La dieta d'autunno mette di buonumore

Dieta vegetariana: i piatti made in Italy

Il menu salvatempo

Cos'è la dieta libera di Starbene

Come sopravvivere alle feste

Come contenere l'abbuffata natalizia?

Consigli per un pranzo di Natale light

Al ristorante, ma senza ingrassare

Per non ingrassare durante le feste

Pubblica un commento