A A

Dieta: come dimagrire con zuppe e minestre

Sono ricche di vitamine e minerali, migliorano la digestione e donano sazietà. Ecco tre ricette sfiziose per gustarle



0

Zuppe, minestre e vellutate sono le protagoniste indiscusse della cucina dei mesi freddi. Se le consumi appena pronte, riscaldano l’organismo aiutandoti a combattere il freddo, a sciogliere le tensioni (di pancia e di testa) e a migliorare la digestione. Ma i loro pregi sono anche altri.

RIEMPIONO IN FRETTA

«Grazie al loro volume occupano velocemente lo stomaco dandoti la piacevole sensazione di essere sazia e soddisfatta. Così mangi di meno, a tutto vantaggio della linea», afferma la dottoressa Carla Lertola, ideatrice della nostra Dieta Libera.


FANNO BENE ALLA SALUTE

«Le minestre possono darti una mano non solo a dimagrire ma persino a tenere alla larga i malanni di stagione, perché forniscono minerali e vitamine (occhio però a non riscaldarle più volte) utili per il buon funzionamento del sistema immunitario», aggiunge la nostra esperta. «Innanzitutto i caroteni (presenti nelle  carote) che hanno un’azione antiossidante neiconfronti di virus e batteri», precisa la dottoressa Maria Paola Dall’Erta.

«Poi le proteine dei moscardini, che l’organismo utilizza per produrre gli anticorpi; il ferro (fornito dai fagioli con l’occhio e dai molluschi) che è indispensabile per portare il nutrimento alle cellule; le fibre (di legumi e ortaggi), che mantenendo in forma l’intestino, dove si concentra il 70% dei nostri “soldati”, contribuisce a mantenere efficienti le difese».

Perché allora non inserire più minestre e zuppe nel tuo menu settimanale? Se le ricette sono insolite e sfiziose, come quelle proposte dalla nostra biologa chef, sarà per te un vero piacere.

Fai la tua domanda i nostri esperti

VELLUTATA DI CANNELLINI E MOSCARDINI

Ingredienti per 4 persone: 400 g di cannellini (già lessati), 12 moscardini, 1 spicchio di aglio, 1 cipollotto, 1 mazzetto di prezzemolo, 200 g di crostini di pane integrale, 4 cucchiaini di olio evo, sale, pepe.

Metti l’olio in una padella antiaderente, aggiungi l’aglio schiacciato e i moscardini puliti (e tagliati a pezzi, se sono grossi). Falli cuocere velocemente, per non più di 10 minuti, in modo che rimangano teneri. Taglia a fettine sottili il cipollotto, disponilo in una pentola e unisci i cannellini. Lascia insaporire e versa 2 bicchieri di acqua. Frulla bene con l’apposito utensile a immersione. Diluisci con altra acqua e aggiusta di sale e pepe. Distribuisci la vellutata calda nelle fondine, con 4 moscardini per ciascuna. Spolverizza con un trito di prezzemolo, unisci i crostini di pane e servi.

FA BENE PERCHÉ: i moscardini sono molluschi facili da reperire in quasi tutte le stagioni. Ottimi in cucina e versatili, sono poco energetici (82 cal all’etto), ricchi di proteine (77% del peso) e poveri di grassi (12%). Forniscono anche interessanti quantità di ferro, calcio e potassio (349 mg sempre in un etto).

MINESTRA DI FARRO CON FAGIOLINI E PATATE

Ingredienti per 4 persone: 200 g di farro, 200 g di patate, 200 g di fagiolini, 1 costa di sedano, 1 cipolla, 1 carota, qualche foglia di salvia, 4 cucchiai di parmigiano grattugiato, 4 cucchiaini di olio evo, sale.

In una pentola d’acqua fredda salata riunisci la carota, il sedano e la cipolla. Porta a bollore e cuoci per circa 15 minuti. Quindi togli i vegetali dal brodo ottenuto oppure, se lo desideri, sminuzzali e lasciali dove sono. Aggiungi il farro, poi, dopo 10 minuti, le patate (pelate e tagliate a dadini) e i fagiolini (ridotti a pezzetti di 2 cm). Quando il cereale è cotto spegni il fuoco e suddividi la minestra in 4 piatti. Fai intiepidire l’olio con la salvia e usalo per condire insieme al parmigiano.

FA BENE PERCHÉ: dei fagiolini, a differenza di piselli, fagioli, ceci..., non si mangiano solamente i semi, bensì tutto il baccello. Ricchi di potassio, regolatore dell’equilibrio idrico del nostro organismo, apportano solo 18 calorie all’etto.

ZUPPA DI FUNGHI E FAGIOLI CON L’OCCHIO

Ingredienti per 4 persone: 150 g di fagioli con l’occhio secchi, 200 g di funghi porcini puliti e tagliati a fettine, 1 cipolla, 1 gambo di sedano, 1 carota, 2 cucchiai di concentrato di pomodoro, 200 g di pane da tostare, 4 cucchiani di olio, sale, pepe, peperoncino a piacere.

Cuoci i fagioli con l’occhio (che avrai lasciato in ammollo una notte) in acqua salata. Scolali e tienili da parte. Lessa anche i funghi, da soli, per 30 minuti. Pulisci e taglia a grossi pezzi la carota, il sedano e la cipolla. Buttali in acqua bollente e portali a cottura. Versa il concentrato di pomodoro e frulla con l’utensile a immersione. Aggiungi i fagioli e i funghi, regola di sale e pepe e condisci con l’olio. Fai crostare il pane spolverandolo a piacere con il peperoncino e servi.

FA BENE PERCHÉ: i fagioli con l’occhio sono ricchi di minerali, come ferro, magnesio, potassio, calcio, zinco e selenio. Contengono pochi grassi ma molte fibre, contribuendo ad aumentare il senso di sazietà e la puntualità dell’intestino.

Articolo pubblicato sul n. 49 di Starbene in edicola dal 22/11/2016

leggi anche

A dieta con la zucca

La dieta d'autunno mette di buonumore

Il menu salvatempo

Dieta: la verità sui dolcificanti

In linea a 60 anni

Pubblica un commento