Nuoto, elisir per il cuore

Una bella nuotata, magari approfittando delle vacanze al mare, può essere molto salutare. La ricerca dell'University of Texas pubblicata sull'American Journal of Cardiology

Una bella nuotata, magari approfittando delle vacanze al mare, può essere molto salutare. La ricerca dell'University of Texas pubblicata sull'American Journal of Cardiology

Scegliere di dedicarsi regolarmente al nuoto per 3-4 volte a settimana dai 15 ai 45 minuti, può avere molti effetti benefici sull’organismo: aiuta a bruciare le calorie in eccesso, abbassa lo stress e oggi riduce anche i rischi cardiovascolari per il cuore, migliorarendo la funzionalità del muscolo. Lo rivela lo studio dell’University of Texas di Austin, pubblicato sull’ American Journal of Cardiology.

I ricercatori hanno esaminato 43 adulti con vita sedentaria e con pressione arteriosa elevata. Facendo seguire loro un programma di 3 mesi di nuoto moderato, sono riusciti a diminuire la loro pressione sanguigna sistolica di una media di 9 punti.

«Per la prima volta è stato dimostrato che allenamenti in vasca per 3-4 volte a settimana, della durata di 15-45 minuti hanno portato ad un significativo miglioramento nella funzione vascolare dei pazienti. L’ arteria carotidea - sottolineano gli scienziati - in chi ha deciso di allenarsi in vasca è diventata più elastica e reattiva ai cambiamenti nel flusso sanguigno. Un segnale - concludono - molto utile perché quando queste arterie sono rigide il cuore ha più difficoltà a pompare il sangue».